Coronavirus: come comportarsi nella fase 2 ⇨

Derattizzazione

Con il termine derattizzazione si intendono tutti i metodi di controllo di roditori quali topi, ratti, ghiri.

Con il termine controllo si intende la limitazione della popolazione infestante sino alla eliminazione completa e successiva  prevenzione delle recidive.

I metodi di controllo possono essere attivi o passivi.

Sono attivi i metodi che prevedono l’impiego di esche topicide (o rodenticide)  le quali limitano la popolazione per terminazione del soggetto.

Sono attive anche le metodologie che terminano il soggetto senza l’impiego di esche come, ad esempio, le trappole.

Sono passivi i metodi che impediscono l’accesso della specie bersaglio all’area che si vuole proteggere.

Sono passivi ad esempio gli apparecchi ad ultrasuoni, le reti metalliche di sbarramento, l’occlusione di passaggi, i dispositivi anti arrampicamento.

Tra i metodi attivi le esche  sono le più utilizzate.

Queste debbono essere somministrate mediante speciali erogatori di sicurezza che non consentono l’entrata al loro interno di specie diverse da quelle bersaglio (cani, gatti) o la manomissione da parte di bambini.

Le esche impiegate attualmente sono ad elevata sicurezza anche in caso di ingestione accidentale: l’azione letale è infatti svolta da principi attivi anticoagulanti dosati per agire su un animale di peso non superiore a 500-600 g; inoltre contengono tra i componenti una sostanza amarissima (amaricante) che le rende repellenti a qualsiasi Mammifero mentre non hanno alcun effetto sui topi e sui ratti.

La derattizzazione di topi e ratti è un’operazione indispensabile sia per motivi igienici che economici.

I ratti (Rattus rattus e Rattus norvegicus) , il cui habitat (per Rattus norvegicus)  è, nelle città, nelle fognature, costituiscono un pericoloso vettore di microrganismi: anche i loro escrementi sono molto pericolosi e così pure i topi (Mu musculus o Topolino Domestico), pur frequentando ambienti meno contaminati rappresentano comunque un forte problema economico a causa dei danni provocati dai loro aguzzi incisivi sempre in azione.

I topi (Mus musculus) non si limitano a danneggiare gli alimenti ma estendono la loro azione anche ad altri materiali a causa della continua necessità di rodere: così non è raro trovare cavi elettrici danneggiati dalla loro azione sull’isolamento e conseguenti guasti negli impianti difficili poi a localizzarsi. Un topolino domestico riesce a passare attraverso una fessura di 5 mm!!

I costi di una derattizzazione topi o di altri roditori variano in funzione di:

  • Estensione della zona da proteggere
  • Installazione o meno di elementi passivi

Quando, parlando del prezzo di una derattizzazione, ci riferiamo alla estensione della zona da proteggere non vogliamo intendere l’area totale dei locali da sottoporre al trattamento.

Sovente, infatti, i locali o le aree  esterne di notevole estensione necessitano di una  zona molto più ristretta nella quale vanno sistemati i dispositivi di protezione ed è quindi a questa zona che ci riferiamo.


Leggi l'approfondimento sulle disinfestazioni di topi e ratti.

Richiedi un preventivo per Derattizzazione

Hai un problema da infestazione?
Logo di Interlabor Srl
Proteggiamo e sanifichiamo il tuo ambiente.
Interlabor Srl
REA.GE: 394129